La Lucarelli con Morandi cacciata dal locale di Belen, il Codacons denuncia

La Lucarelli con Morandi cacciati dal locale di Belen

A dir poco incredibile quanto accaduto a Selvaggia Lucarelli che con Gianni Morandi, per risolvere un problema nato nei social si erano incontrati per bere un caffè. I due si incontrano in zona stazione a Milano e vanno al Ricci, il locale che annovera tra i soci anche Belen e Joe Bastianich. I due bevono un caffè e escono a fare un selfie quando una cameriera in evidente imbarazzo li invita a lasciare il locale. Morandi chiede se sia ora di chiusura, ma no la direzione avvisa che la signora non è gradita nel locale. La Lucarelli spiega a Gianni Morandi che la direzione è Belen e che qualcuno la avrà avvisata che era lì. Gianni sbigottito dice: “Bene i caffè sono offerti come minimo arrivederci”. Un lungo post della Lucarelli sui social che descrive i fatti e commenta: “ Purtroppo l’ignoranza è una malattia che il successo non può curare, ne convengo. Chiudo dicendo che poi ho sentito Bastianich e si scusa con me e Gianni e con un interrogativo che non mi ha fatto chiudere occhio: “Con cosa avranno corretto il mio caffè ieri?”. Poi però interviene il Codacons che appresa la notizia denuncia i gestori del locale in quanto è illegittimo allontanare i clienti senza giusta causa. Un esposto alla Guardia di Finanza contro i gestori tra cui Belen e Bastianich per violazione delle norme sull’accesso dei clienti ai pubblici esercizi. “Un esercizio pubblico – spiega il Codacons – non può mai cacciare un cliente, a meno che non esista una giusta causa, e l’antipatia personale non rientra certo tra le motivazioni riconosciute dalla normativa. L’art. 187 del regolamento di esecuzione del TULPS (Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza) recita infatti: “Salvo quanto dispongono gli articoli 689 e 691 del codice penale, gli esercenti non possono, senza un legittimo motivo, rifiutare le prestazioni del proprio esercizio a chiunque le domandi e ne corrisponda il prezzo. Le violazioni, ai sensi dell’art. 221/bis, comma 1 del TULPS, sono soggette alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 516,00 a euro 3.096,00”. Per tale motivo il Codacons ha deciso di rivolgersi alla Guardia di Finanza, chiedendo di accertare i fatti e, in caso di violazione delle norme, elevare la prevista sanzione nei confronti dei gestori del ristorante “Ricci”, per aver illegittimamente allontanato clienti dal pubblico esercizio.