Home

Londra, si paga in dati

4 Ottobre 2017 Redazione Company


Un negozio temporaneo a Londra, che vende opere e gadget dell’artista di strada di Ben Eine, con una particolarità: alla cassa non si paga né in sterline, né in euro o dollari, ma in “Data Dollar”, cioè con i dati privati contenuti nei nostri smartphone, siano essi un selfie o una conversazione su WhatsApp. L’esperimento è della società informatica Kaspersky, che con l’iniziativa ha voluto accrescere la consapevolezza degli utenti sul valore economico dei dati personali.


Lascia un feedback

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

Cliccando sul tasto "invia" rilascio il consenso al trattamento per finalità di marketing come al punto 2 dell' informativa sulla privacy e dichiaro di essere maggiore di 16 anni.